Caro carburante e caro energia: necessario intervenire subito

Questa mattina sono intervenuto su Isoradio alla trasmissione Colazione con Simona, condotta da Simona Arrigoni e Max Bernardi. Ho spiegato le proposte del Partito Democratico su caro carburante e caro energia.


Abbiamo chiesto al governo di spiegare in Parlamento le ragioni del caro carburante e di intervenire subito in tre direzioni: primo punto un assegno energia automatico in bolletta per sostenere le famiglie in difficoltà estendendo a 12 milioni di famiglie il bonus sociale luce e gas già previsto per 2,5 milioni di famiglie; secondo punto un taglio delle accise dei carburanti per far scendere il prezzo a 2€ e blocco del prezzo, come fatto dalla Slovenia; terzo punto, fondamentale, aiuti alle imprese e agli autotrasportatori. Non dimentichiamo mai che l'Italia è un grande Paese manifatturiero e se aumenta il costo dell'energia rischia di fermarsi il cuore della nostra economia. Per questo chiediamo di prorogare il credito di imposta per le imprese "energivore" e "gasivore" fino alla fine dell'anno e per il mondo dell'autotrasporto il credito d'imposta sul gasolio e l'introduzione dell'aumento dei costi del carburante come causale per la rinegoziazione dei contratti.


Dobbiamo tutti ringraziare i lavoratori e le lavoratrici dell'autotrasporto per non essersi mai fermati durante l'emergenza covid e per il lavoro che fanno oggi portando gli aiuti dall'Italia al popolo ucraino. Adesso non possiamo lasciarli soli a pagare il prezzo della crisi.


L'estratto con la mia intervista



Archivio
Cerca per tag
Seguimi
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square