Il covid non si nega, si combatte

"Per piacere si può mettere la mascherina?". Da qui, la rissa: lei, 24 anni, senza mascherina, appena e salita su un autobus a Roma colmo di persone, aggredisce l'uomo che le chiede gentilmente di indossarla. Nel dettaglio, sbattendogli il telefono sulla testa, oltre che insultandolo. Tutto questo per aver solo chiesto solo di rispettare la legge e di proteggere la salute di tutti. Questo ha portato l'aggressione, e la prognosi di 5 giorni per l'aggressore. E fortunatamente una denuncia alla donna per interruzione di pubblico servizio e per lesioni aggravate. È trascorso un anno ormai dai primi abbracci negati, dalla fila di bare fuori gli ospedali, dagli ultimi saluti davanti ad un cellulare. É trascorso un anno da quando è evidente che l'unico modo per tutelare la vita propria e quella altrui è quello di indossare la mascherina e mantenere le distanze. Ma i no mask restano una realtà drammatica con cui conviviamo e a cui i partiti di destra continuano ad ammiccare. Serve un clima nuovo nel Paese. Perché il Covid, questo nemico che stiamo combattendo con grande sacrificio, non si nega: si combatte. E lo si fa anche con la responsabilità verso il prossimo.

Archivio
Cerca per tag
Seguimi
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square