Archivio delle strade: recepito dal Governo l'Odg che ho proposto

Nella legge di bilancio per il 2022 vengono stanziati fondi per interventi straordinari per la manutenzione e l’adeguamento ai cambiamenti climatici della viabilità stradale di competenza di Regioni, Province e Città Metropolitane.

Il cambiamento climatico in atto impone, infatti, anche per le infrastrutture stradali interventi volti a mitigarne gli effetti che si manifestano spesso in fenomeni naturali estremi e difficilmente prevedibili. Ma nei tempi che stiamo vivendo la battaglia per rendere più sicure e percorribili le nostre strade non si combatte solo con i cantieri ma anche con la condivisione e l'interoperabilità di tutti i dati disponibili.

Per questo come molti operatori di categoria da tempo auspicano è indispensabile l’attivazione dell'Archivio nazionale delle strade da parte del MIMS. Tale Archivio è previsto dal Nuovo Codice della Strada e contiene le informazioni sullo stato tecnico e giuridico della rete stradale, i dati relativi al traffico veicolare, agli incidenti e allo stato di percorribilità. La raccolta di tali informazioni avviene attraverso gli enti proprietari della strada che sono tenuti a trasmetterli all’Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale.

Va in tale direzione l'ordine del giorno del Partito Democratico che ho presentato come primo firmatario insieme alle colleghe e i colleghi Gariglio, Cantini, Pizzetti e Bruno Bossio nella seduta del 30 dicembre 2021 che oggi è stato recepito dal Governo.


L'Ordine del Giorno è il numero 55



Archivio
Cerca per tag
Seguimi
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square